Home » Notizie » Novità sui certificati di malattia

Novità sui certificati di malattia

Novità sui certificati di malattia - Dott. Giancarlo Tricarico
La recente Manovra Finanziaria (Luglio 2011) modifica il regime dei controlli sulle assenze per malattia e delle eventuali giustificazioni in caso di  visite o accertamenti specialistici 
            

 

Legge 15/7/2011 n. 111: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria.

Capo III

Art. 16.

(Contenimento delle spese in materia di impiego pubblico)

Comma 1

 

g) ulteriori misure di risparmio, razionalizzazione e qualificazione della spesa delle amministrazioni centrali anche attraverso la digitalizzazione e la semplificazione delle procedure, la riduzione dell’uso delle autovetture di servizio, la lotta all’assenteismo anche mediante estensione delle disposizioni di cui all’articolo 71 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, al personale del comparto sicurezza e difesa, coneccezione di quello impegnato in attività operative o missioni.

2. Le disposizioni recate dal comma 1, lettera b), con riferimento al personale dipendente del Servizio sanitario nazionale si applicano anche al personale convenzionato con il Servizio sanitario nazionale.

 

Comma 9

. Il comma 5 dell’articolo 5- septies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è sostituito dai seguenti:

5. Le pubbliche amministrazioni dispongono per il controllo sulle assenze per malattia dei dipendenti valutando la condotta complessiva del dipendente e gli oneri connessi  all’effettuazione della visita, tenendo conto dell’esigenza di contrastare e prevenire  l’assenteismo. Il controllo è in ogni caso richiesto sin dal primo giorno quando l’assenza si  verifica nelle giornate precedenti o successive a quelle non lavorative

5-bis. Le fasce orarie di reperibilità entro le quali devono essere effettuate le visite di controllo e il regime delle esenzioni dalla reperibilità sono stabiliti con decreto del Ministro per la pubblica  amministrazione e l’innovazione. Qualora il dipendente debba allontanarsi dall’indirizzo cmunicato durante le fasce di reperibilità per effettuare visite mediche, prestazioni o  accertamenti specialistici o per altri giustificati motivi, che devono essere, a richiesta, documentati, è tenuto a darne preventiva comunicazione all’amministrazione.

5-ter. Nel caso in cui l’assenza per malattia abbia luogo per l’espletamento di visite, terapie,  prestazioni specialistiche od esami diagnostici l’assenza è giustificata mediante la presentazione di attestazione rilasciata dal medico o dalla struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o la prestazione

10. Le disposizioni dei commi 5, 5-bis e 5-ter, dell'articolo 55-septies, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, si applicano anche ai dipendenti di cui all'articolo 3 del medesimo decreto."

 

(n.d.r.) La novita' consiste nel fatto che tali disposizioni agiscono anche nei confronti di quel personale esentato dall'invio telematico (Art. 3. Personale in regime dì diritto pubblico) , i magistrati ordinari, amministrativi e contabili, gli avvocati e procuratori dello Stato, il personale militare e delle Forze di Polizia di Stato, carriera prefettizia, professori universitari etc.

 

Privacy Policy